Palazzo San Domenico - Pro Loco Troia

Fotografia aerea: Leo Viscecchia
Troia
Title
Vai ai contenuti
(ex Castello d'Oriente), XI-XIV sec.
 
Via Regina Margherita, 4
 
 
Costruito sulle mura di cinta della città, il Castello è menzionato in una pergamena del 1042. Probabilmente, inglobò la chiesa e il convento di San Bartolomeo, poi intitolati a San Giròlamo o a San Domenico.
 
Dopo l'abbattimento del 1230, operato da Federico II, il Castello viene ricostruito, trasformato in monastero benedettino nel 1312 ed affidato ai frati di Montevérgine, Nel tempo lo stabile ha subito gravi rimaneggiamenti, ma conserva ancora un aspetto di luogo forti fi calo. Accanto doveva esserci una delle quattro porte d'ingresso alla città, detta Porta d'Oriente o Porta S. Girolamo. Una colonna e un fregio restano murati nella parte posteriore visibile della chiesa di San Domenico. La chiesa e l'annesso convento, ampliato nel 1700, vennero abitati dai Domenicani fino al 1810, perché le leggi napoleoniche lo soppressero definitivamente, come tutti i Conventi del regno di Nàpoli, con sovrano reiscritto il 28 aprile 1R13.
 
Con Rea I Decreto den842 al Decurionato di Tròjavienecon-ccsso l'insediamento di un Orfanotrofio femminile sotto il titolo del SS. del Rosàrio, che verrà gestito dalle suore della carità di S. Giovanna Antida Thouret sino al 1977.
INFORMAZIONI
kdkgkdrgm dgkdgn sigs gsgsrfsf sksk
gflmgkzmkzmgkzmgk
gsggsg gsg g g  da
gdgdgdg d d dg dd d  
ddg z
Torna ai contenuti